giovedì 26 giugno 2008

Casetta mia

La rinascita politica e culturale della realtà locale è nel contempo un obiettivo in sé per tornare a provare un piacere della vita in tutte le sue dimensioni e uno strumento per rilocalizzare l'economia, nel senso di una ricollocazione della sfera nella realtà locale e non di una ristrutturazione economica del territorio. Nella situazione attuale, secondo Z. Bauman "essere 'locali' in un mondo globalizzato è un segno d'inferiorità e di degradazione sociale. Il peso di un'esistenza limitata a un luogo è aggravato oltremisura da una circostanza: oggi che gli altri spazi d'interesse pubblico sfuggono all'ambito della vita per così dire 'localizzata', gli stessi luoghi stanno perdendo la loro capacità di generare e imporre significati all'esistenza; e dipendono in maniera crescente dai significati che gli vengono attribuiti e da interpretazioni che non possono in alcun modo controllare." (...) Secondo R. Panikkar (...) "credere che il luogo in cui si vive sia al centro del mondo è essenziale per dare un senso alla propria esistenza."

Serge Latouche, La scommessa della decrescita, cap. 8 pag. 135 -  Feltrinelli 2007

SPIRITO dell'ERASMUS  E con ciò, cosa pensi di aver fatto? Hai solo strumentalizzato il discorso di un tizio per esorcizzare le tue paure.
GIULIO  Niente affatto. Ho esorcizzato te.
SPIRITO dell'ERASMUS  Non illuderti di essermi sfuggito. Dovrai fare carriera, un giorno, e verrai da me a chiedermi esperienze, viaggi e atenei d'oltreoceano.
GIULIO  Non mi pare granché il fatto che tu esista per favorire i miei desideri di arrampicata sociale. Dovresti esserci per promuovere i viaggi e gli studi, non per sradicarsi.
SPIRITO dell'ERASMUS  Le radici sono fuori moda. Tu non avrai più una casa.

[oggettivare i propri conflitti interiori è teatralmente molto fecondo.]

1 commento:

La Zia ha detto...

bah ti dico solo che io sono combattutissima con la mia domanda di erasmus, litighiamo continuamente, e il fatto che mi diranno solo a luglio se sono presa o no non aiuta per niente...!
da un lato so che mi servirà, come esperienza personale (conoscendo il mio carattere ne avrei proprio bisogno) e universitaria..dall'altro mi fa un sacco paura e (conoscendo il mio carattere) non so proprio se sono la persona adatta e non vedo perchè debba forzarmi a qualcosa che forse mi farà soffrire...ma da qui si ritorna al punto 1. ecc.