lunedì 7 luglio 2008

Soirèe

Mi sono recato a casa di Stèphanie - la futura jappo - per ricevere gratis due libri che prima o poi avrei comprato, causa libidine per i classici della Penguin; pare che l'amabile svizzera emigrante non li reggesse più dopo aver dato quel benedetto esame. Vive con due coinquiline in un placido edificio a due piani con giardino misto di erbacce e cancelletto; la serata è afosa e sa di carne - la rosticceria vicina è contro vento. Finestre aperte, scarpe ammucchiate all'ingresso, acqua in frigo. In cucina c'è una luce poco poco declinante. A casa delle tre allegre universitarie becco pure il Leo, che riaccompagno a casa in bicicletta dicendo tranquille scempiaggini - per poi lasciarlo strapazzandolo e tirandogli il ciccioso nasone. Così punisco gli ingegneri. Riassumendo: vado a casa di tre donne, ne esco con dei libri e faccio conversazione.

Basta così poco per far riuscire una serata.

2 commenti:

Stephanie・ステファニー ha detto...

Ti ringrazio per il post in onore della "soiree" hi hi :D Mi spiace di averti cacciato ma tu e Leo facevate paura alla mia coinquilina ahah!!!
Ma se mi chiami "futura jappo" sembra che mi devo far operare per passare agli occhi a mandorla XD!!
Comunque, ti stai gia' dilettando nella lettura?
Ah e ti sbagli sai, guarda, mansfield park non l'ho proprio aperto! E solo a sentire il nome della prof mi viene un ulcera perforante...tu non hai mai sopportato le sue lezioni, se no mi capiresti..comunque sono felice di averti fatto un dono!
Ora se passi da me (blog) trovi un po' di pane per i tuoi denti hihi! alla prossima!!

LiciaL - Ai ha detto...

Ahahah!Fortuna che ci sei tu Fefi che mi proteggi!Condivido l'ulcera comunque!!Ahhh, Fanny, cheddonna!!

Comunque se ti basta davvero così poco, sei il benvenuto!(Se non mi spaventi...)

:D

Licia (l'altra coinquilina)