sabato 27 settembre 2008

Svegliaaa, che è l'alba!...

Ok, ora chiariamo due cosine.

Quando dico che mi secca avere un 28, non sto dicendo che un 28 è IN ASSOLUTO un brutto voto.

Sto dicendo che nella MIA particolare situazione, con i MIEI particolari desideri, quel voto non mi soddisfa.

Questa cosa che dico è personale. Lungi da me offendere la sensibilità dei pii colleghi filologi del 32, che rigorosamente senza dirmelo in faccia mi danno del montato.

Cari colleghi!... Non è il voto che importa, è l'aspettativa. Se uno vuole un 19 e prende 20, quel 20 è una cosa splendida. Perché è esattamente quello che si voleva all'inizio, anzi, anche di più. Ed io sono pronto a gioire con voi di ogni singolo voto che prendete, se quel voto vi soddisfa e vi rende felici, qualunque voto sia.

Già, perché voi pensavate che io, vanitoso e competitivo, disprezzassi i vostri 28, e mi sentissi orribilmente macchiato quando una temporale di passaggio mi abbassava pericolosamente a raggiungervi?!? Ovvìa, che s'è sfondato il muro del ridicolo. Vi pare sensato che io, senza conoscervi, mi metta a giudicare i vostri risultati?... ma che me ne frega, cari miei? La vita è vostra, la carriera universitaria pure. Non tenterò di soffocarvi con i vostri appunti mentre dormite. Anche se lo sembro, non sono aggressivo gratis. Voi sapete che punto in alto, ma questo non implica che consideri chi mi circonda un soprammobile. Tenevo a quest'ultimo esame, e sapete bene che la passione non mi manca. Date le premesse, mi permetterete, visto che volevo il massimo, di avere un attimino di sconforto se non ci arrivo. Non è un dramma, santo cielo, è chiaro che esagero; se provassi una vera depressione per un voto universitario avrei dei seri problemi di narcisismo - e finora l'ho saputo contenere nei limiti della decenza.

Perché se cercate un motivo per non trovarmi simpatico, questo del 28 non vi offre scuse a sufficienza. Non da adesso.

4 commenti:

Anonimo ha detto...

valà... che falso..

Non dirmi che, da quando hai postato un discorso addirittura sul blog, sul fatto che avevi preso un voto che non ti soddisfava, che secondo te eri anche passato per un superficiale, e che questo voto era un VENTOTTO, non sapevi benissimo che questo avrebbe portato a commenti del tipo "wé, ma che cazzo dici?? Guarda che è un 28.. ma dove vivi???!"

..non te li aspettavi???

emilio neoteros ha detto...

me li aspettavo eccome: ecco perché ho chiarito.

emilio neoteros ha detto...

falso?... perché?... sei di nuovo quello dei contadini?... ma ti diverte tanto mandarmi maledizioni anonime? perfino marco si è firmato!...

Hap ha detto...

...lascia stare, è una battaglia persa in partenza!!!