mercoledì 15 ottobre 2008

Du' palleee!...

Di regola, prima di andare al lavoro, mia madre entra in camera mia convinta di essere silenziosa. E' bello che uno conservi delle convinzioni, nella vita, eh. Mi sveglia, inevitabilmente. Cerco di sottrarmi all'inesorabile rimanendo immobile. Sento che scartabella sulla mia scrivania. Apre la mia agenda. Dice ad alta voce i miei impegni. Dopodiché la prende, la porta a babbo e la commenta davanti a lui - che presumibilmente, a quell'ora, pensa: "Che bello! Nel sogno c'è anche mia moglie!" Io sborbotto senza farmi sentire. Tu guarda se è il modo di farsi i cazzacci miei. Tra l'altro, mi ha strappato al mio sonno - del quale ogni secondo è dannatamente necessario - almeno un'ora e mezza prima della sua naturale conclusione. Growl. Sicché ieri notte ho avuto l'illuminazione: ho scritto su un foglio la seguente frase: "Mamma, non ficcanasare nella mia agenda. Mi svegli sempre!" - quest'ultimo motivo addotto ben sapendo che la minima allusione al fastidio provocato dalle sue piccole intromissioni sarebbe stato accompagnato da proteste vibratissime. E dunque, volendosi parare il. Stamattina, lei è entrata, ha preso il foglio, si è cacciata a ridere, è andata di là dicendo: "Roobeeertoooo! Guarda cos'ha scritto Giuglino! Ah ah ah ah ah! Che simpatico!" Dopodiché è rientrata in camera e mi ha riaperto l'agenda.

Apparentemente, non vengo preso sul serio.

4 commenti:

laura ha detto...

^^

(l'avevo già sentita ma mi fa comunque molto ridere)

Red ha detto...

Se mia madre facesse così con me, intingerei le pagine dell'agenda di veleno, come Jorge da Burgos con il II libro della Poetica di Aristotele ne Il Nome della Rosa.

toppe ha detto...

...Dovevi scrivere:
"Mamma, ho una vita mia e una mia intimità in cui tu non c'entri. Rassegnati: da ben 21 anni non sono più un pezzo del tuo corpo. FATTI I CAZZI TUOI".

Martynaso ha detto...

...benvenuto nel club "mia madre è sadica".