mercoledì 29 ottobre 2008

Piccolo Requiem

(scena: l'oltremondo dei musicisti. La solita villetta con immenso giardino sul dorso di una collina. Passeggiano lungo un vigneto Mozart, Salieri, Beethoven e Schubert)

MOZART (gioviale) Hai visto, Antonio? Hanno trovato il tuo Piccolo Requiem proprio dove quel tuo amico l'aveva ficcato, nella sua biblioteca privata.
BEETHOVEN (cupamente) Quando Franz l'ha diretto alla vostra morte, maestro, mi ha dato un dolore immenso esser completamente sordo. Però, che gente il vostro amico. Pensate se l'avesse pubblicato.
SCHUBERT (con ansia) Quando gliel'ho dato, m'ha detto che se ne sarebbe occupato. Era un amico del maestro. Non potevo immaginare che...
BEETHOVEN  Si, certo. Nessuno sta incolpando nessuno.
MOZART  Non ti vedo contento, Antonio.
SALIERI (sbuffando) Ma contento di che, Wolfgang? Ormai il danno è fatto.
MOZART (pacca sulla spalla) Ma va là. Ora registreranno questo Piccolo Requiem e capiranno che fu il tuo colpo di genio, e saranno contenti di poterti riabilitare un tantino.
SALIERI (risatina) Wolfgang, la gente ha creduto per anni che io ti avessi fatto fuori.
MOZART  Ma ora cambiano idea.
SCHUBERT  Portate pazienza, maestro.
BEETHOVEN  Come vi è venuto in mente di scrivere un Requiem?
SALIERI (spallucce) Mah, sai. Coi tempi che correvano. Vedevo i miei allievi diventare qualcosa di terrificante. Pensa solo a te, e all'epoca non conoscevo ancora Franz. Sentivo che la musica che componevo non era più la stessa, era sciapa, era troppo indietro. I tempi erano troppo diversi, ed io non sapevo come fare a capirli. Poi una sera ho sentito la tua Quinta, e allora ho capito che il mio tempo era morto. Mi è girata malissimo e sono corso a casa a comporre il Piccolo Requiem. Del resto, lo sapete che volevo che si suonasse alla mia morte.
SCHUBERT  E così fu.

(una folata di vento scompiglia i tre strati di capigliatura di Beethoven e porta via la parrucca a Mozart. Schubert si sistema gli occhiali e Salieri si mette nel taschino la medaglia dell'Imperatore. Ormai è sera.)

Nessun commento: