domenica 22 marzo 2009

L'osservatore

Quando leggete un libro, come vi ci rapportate? Vi calate nell'ambiente? Ci costruite fantasie sopra, con voi come personaggi? Andate in sintonia coi personaggi e sclerate con loro? Non ve ne frega nulla e osservate come va a finire? Soffrite? Godete?

Io, appunto, leggendo un libro, mi ci immergo e osservo. Ma non faccio parte della storia. E' come se mentre voi parlate dei fatti vostri, un tizio che non c'entra nulla, e che voi non vedete, andasse a scrutare come vi muovete, che lingua parlate, come vi vestite, dove abitate, cosa tenete nel comodino, a caccia - inspiegabilmente - di particolari anche cretini, ma dal suo punto di vista assolutamente indispensabili per capire di che state parlando e perché. 

E' anche ammesso - anzi, incoraggiato - che io porti il libro nella realtà. Parlo coi gestofonemi, come le Yilanè, e ogni tanto mi verrebbe da insultare qualcuno dicendogli che 'è peggio di una fargi yiliebe'; impreco con 'o' + genitivo come in greco; rimprovero Emilia Molteni per la sua cocciutaggine selvatica, prenderei volentieri a calci Adrian Leverkuhn e faccio ad alta voce domande a Margaret Schlegel quando non capisco perché fa quello che fa. Ormai, attacco a tutti quelli che conosco l'onomastica Regency. Se lui e lei sono baronetti, 'Sir' + 'nome' (se lo nominiamo per al prima volta, anche + 'cognome') e 'Lady' + 'cognome' (anche qui, se la nominiamo per la prima volta, ci può stare il nome). MAI INVERTIRLI. 'Lord' + 'cognome' SOLO se non è sposato, e mai eccedere; eventuali titoli nobiliari aggiuntivi vanno prima di quello del baronetage, e tutt'al più il figlio o la figlia di un baronetto prenderà l'attributo 'onorevole' + 'mr.'/'miss' eccetera eccetera. Esempio: Sir Charles (Lyndon), la Viscontessa Lady (Ottoline) Morrell, l'onorevole miss Carteret.

Ma, voi direte, non ci sono baronetti in Italia. Vero. Così attacco il titolo ai personaggi delle mie storie. Ecco come quello che leggo influenza quello che scrivo.

3 commenti:

Anonimo ha detto...

speriamo che piaccia anche a quello che legge!

adelaide_the_president ha detto...

anche io osservo come te. però io mi immagino come uno spirito fluttuante, invisibile. ovvero, se sono entrata in Germinal, non mi immagino tuta blu tra le tute blu... mi immagino solo lì presente che guardo in faccia i personaggi mentre si esprimono.

hap ha detto...

"io, quando leggo..." è una frase che non sta in piedi, nel mio caso. perchè quando leggo "io" non esiste più, si è annullato tra le pagine.