mercoledì 18 novembre 2009

Forse

la massima aspirazione di alcuni

(di me?)

potrebbe - dovrebbe? - essere non la felicità, ma una teporosa serenità,

quale può sorgere nel vedere che sono finalmente inscritto nell'ordine delle cose

(so stare in società
rido
faccio battute divertenti
parlo
pure in inglese
le inglesine hanno capito la mia battuta
altri vengono detti timidi e io no
mi informo delle cose degli altri
e informo gli altri delle mie cose
e faccio pure finta che questo balletto mi interessi
non ridete, è da quando avevo sei anni che non succede che io sia funzionale al gruppo)

che sono diventato un ingranaggio funzionante.

2 commenti:

Anonimo ha detto...

mamma mia.. che angoscia...

...la tua solita ambascia!!!

No, rincoglionito: punta anche tu alla felicità, dai.. (oramai non mi impegno neanche più nel darti consigli.. anche perché ti fai "male" ogni due per tre.. Quindi..bé.. nininni..!)
ciao

Anonimo ha detto...

....RINCOGLIONITO!

P.s.: scrivo solo per vedere quale altra parola fantasiosa senza senso mi comparirà nel riquadro dell'identificazione..! Sono impagabili!!