giovedì 28 febbraio 2013

Abaton (8)



ANNA Non volevo essere crudele. Non volevo esserlo.

ABATON (severo) Lei sperava che svilendo Lucy, avrebbe indotto il suo ragazzo a farsi avanti con lei. E per poco non c'è riuscita. Sapeva che Lucy era debole, e che per certi versi lo era anche lui. Se n'è fregata della felicità di entrambi, e ha tentato di separarli. Crudeltà e frode.
ANNA (secca) Senta, ora esagera. Ero una ragazzina, quanto avrò avuto? Sedici anni? Se anche sono stata crudele, di certo non l'ho fatto apposta.
ABATON (gelido) Però lo è stata. E lo sa. I rimorsi sono irrilevanti. (batte le mani) Il secondo teste, per favore.

Lucy esce. Un inserviente porta una bambola con le sembianze di Fred.


[continua]

Nessun commento: