giovedì 25 aprile 2013

Abaton (16)




ANNA (si piega) Sì! Mi prendeva – ma io non lo guardavo negli occhi; stavo ferma, dura come un pezzo di legno – piangevo, con la faccia voltata verso il muro. (con ira) Ma lui avrebbe dovuto accorgersene! Lui lo sapeva – ma non ha voluto capire – non ha voluto aiutarmi!
ABATON (calmo) Lo so. Tra le altre cose, l'ho punito anche per questo. Perché si è procurata tanto dolore?
ANNA Per non farlo soffrire.
ABATON Menzogne.
ANNA (esplode) Dio! Non gliel'ho detto perché non volevo noie! Non volevo problemi! Sono stata un'ipocrita – è contento adesso?
ABATON “Contento” non vuol dire niente, riferito a me, Miss Grey. (batte le mani) Il quarto ed ultimo teste, per favore.


[continua]

Nessun commento: