giovedì 28 marzo 2013

Abaton (12)


ANNA Senta, quando è troppo è troppo. Lei è ridicolo. Io me ne vado.
ABATON Prego.

Anna si alza e si dirige verso la porta. Ma non riesce ad allungare la mano alla maniglia. La sua stessa volontà sembra cedere.

ANNA Non riesco a prendere la maniglia.
ABATON No?
ANNA Non capisco. Io voglio andare via.
ABATON Però non può.
ANNA Perché non posso? Io – mi sembra quasi – di non volerlo.
ABATON Perché io voglio così, Miss Grey. Si sieda.
ANNA (acida) E va bene! Acconsento a rimanere. (torna indietro e si siede) Porti pure avanti questa pagliacciata, se crede.
ABATON (batte le mani) Il terzo teste, per favore.

[continua]

giovedì 21 marzo 2013

Abaton (11)




ABATON Di che?
ANNA (tristemente) Che crescesse. Che decidesse di fare qualcosa della sua vita. E che mi abbandonasse. Avevo una paura folle di perderlo. Niente più corse matte sotto gli alberi, non avremmo più camminato sui tetti nelle notti d'estate.
ABATON E per questo motivo ridicolo, lei gli ha impedito di vivere veramente la sua vita per un anno intero. Lei lo ha fatto scappare, lo ha portato verso l'errore.
ANNA (con un impeto di rabbia) Ma lui ne fu felice!! (a Fred, disperata) Se sei veramente Freddie, digli che eravamo amici, digli che mi volevi bene!
ABATON Sì, ma lei non se lo meritava, il suo bene.
ANNA Perché questo giudizio così severo? Siamo pur sempre umani!
ABATON (gelido) Io no.

[continua]

giovedì 14 marzo 2013

Abaton (10)


            ABATON (severo) Lo sa benissimo. Cosa le venne a chiedere, Fred, quella sera?
ANNA (capendo) Quella sera? No, per favore, non –
ABATON Cosa le venne a chiedere, Fred, quella sera?
ANNA (con sforzo) Mi chiese – mi chiese se era giusto, se faceva bene ad andare un anno via, a Berlino, dopo il liceo. Mi disse: Annie, non voglio decidere cosa fare della mia vita, non voglio essere costretto a fare questo o quello. Voglio essere libero. Ma faccio bene? Così mi disse.
ABATON Cercava di fuggire. E lei che gli rispose?
ANNA Che faceva benissimo. Sono andata in Germania con lui!
ABATON Perché gli disse così? Lei ha mentito.
ANNA Fatti miei.
ABATON Perché gli disse così?
ANNA (col broncio) Fatti miei, le ho detto.
ABATON Perché gli disse così, Miss Grey?
ANNA ...Ho avuto paura.

[continua]

giovedì 7 marzo 2013

Abaton (9)

ANNA Quella bambola somiglia maledettamente a – (sbigottita) Fred? Una bambola Fred? Che gli è successo? Lo hanno convocato? Dov'è andato dopo l'udienza? A casa sua c'è un pandemonio, è sparito da non so quanto e i suoi non fanno che piangere.
ABATON (annuendo) A casa sua non c'è perché è qui con me anche lui, Miss Grey. Ce l'ha davanti, adesso.
ANNA Prego?...
ABATON Veniamo alla seconda accusa, signorina: paura.
ANNA (ironica) Addirittura. E cosa avrò fatto di male stavolta?
ABATON Sarà lei a dirmelo.
ANNA (fa spallucce) Non posso. Non so che dire.

[continua]